Lombard, Louis
* Lione, 15 XII 1861 + Genova, 1 XI 1927. Musicista e mecenate, nato a Lione da padre francese e da madre italiana. I suoi studi regolari di musicista iniziarono nel 1870 quando entrò nel conservatorio di Marsiglia come allievo di violino, canto e armonia. Indi completò lo studio dello strumento con il professor Morin al conservatorio di Parigi. Nel 1875, rimasto orfano, si recò negli Stati Uniti per una tournée di concerti. Studiò lingue (ne conosceva 8), legge ed economia politica. Viaggiò in Europa, Africa e Asia. Scrisse libri su vari soggetti che ebbero fortuna in America. Divenne cittadino americano e nel 1887 fondò e diresse un conservatorio di musica a Utica, nello stato di New York. Fu insignito di molte onorificenze, fra le quali quella di presidente  del comitato esecutivo dell'associazione nazionale americana dei maestri di musica. Durante una delle sue tournées conobbe la figlia di un magnate delle ferrovie americane (Thomas Allen), con la quale si sposò nel 1899 andando ad abitare a Parigi. Nel 1900 acquistò a Lugano il Castello di Trevano, già proprietà del barone russo von Derwies (à C. Thomson). Vi fondò una nuova orchestra, che in parte raccoglieva i membri della precedente (A. Stemplowsky e à Gallmeyer in particolare) e che impiegava occasionalmente anche i migliori musicisti del Teatro alla Scala di Milano. Nel salone del Castello di Trevano il Lombard diede, durante i mesi estivi fino allo scoppio della prima guerra mondiale, pubblici concerti ogni domenica a pagamento, dove l'introito era devoluto a beneficienza. Lombard portò la sua orchestra per concerti anche in varie città della Svizzera. Fu buon violinista, organista, compositore e come direttore d'orchestra, oltre alla sua orchestra privata, diresse a New York (Seidl), a Parigi (Colonne e Lamoureux), a Milano, Berlino, Budapest, Nizza, etc. Al Cairo nel 1903 diresse un brano sinfonico di Saint-Saëns in presenza dell'autore, ottenendo da questi i migliori elogi. Nel suo castello di Trevano ospitò molte personalità: Gabriel Fauré, à R. Leoncavallo, il pianista Aurelio Giorni, il violinista americano Albert Spalding, il librettista Luigi Illica, il pianista svizzero Rudolf Ganz, il violinista à  César Thomson, Massenet e molti altri. Dopo un paio d'anni di salute malferma, morì nel 1927 su una nave sulla quale stava facendo uno dei suoi numerosi viaggi in America. La sua salma fu portata a Washington dove ebbero luogo i funerali.
 
 
COMPOS.: Op. teatr.: Errisiñola (I sogni della vita), dramma mus. in 2 atti, (rappr. a Lugano, Castello di Trevano il 25 VIII 1907, con Yvonne de Tréville nella parte principale). Mus. per grande orch.: Air de ballet (d'un opera inédit); La dernière prière (anche in vers. per quart. d'archi e per pf.). Mus. per orch. d'archi: Elégie, op. 31 (dedicata a Leoncavallo), ed. Ricordi; Historiette, ed. Ricordi; Valse excentrique, op. 32, ed. Ricordi;  Cubana; Hommage à Saint-Saëns; Fantaisie Khédiviale; Les lacs lombards; Une drôle de valse; Sérénade bizarre  (con fl.); Amertume. Mus. da camera per quart. d'archi: Piècette en la; Acquarelle, op. 29, ed. Ricordi; Guignol; Americana; per arpa e quart. d'archi: Harlequinade. Mus. per banda: Brickendonbury Marche, ed. Weekes & Co., Londra (inoltre numerose trascrizioni dalle precedenti composizioni). Liriche per canto e pf. (anche in vers. con orch.): Love me, The Coquette; Speak Low, ed. Ditson Oliver Company, Boston; Thistledown; I'll love thee; Had I not thee; Farewell; My Lady Fair; Words of love; A Dream in Midsummer; Baby's Cry; Aimons; Ma mie; Seul; Vous n'aimez plus; Doux serment; Ninna nanna; We were together; Helen's Lullaby; Oublions; A Night Song (con vl. obbl.); Le héros mourant (con tr. ad lib.). Mus. per pf.: Valse caprice; Délaissée (valse); e molte trascr. dalle compos. precedenti. Queste musiche furono stampate da Ricordi (Milano), Durdilly (Parigi), Berdan (Detroit), Presser (Philadelphia), Buckingham (Utica, N.Y.), Wm. Pond (New York), Dikson (N.Y.) e dalle ed. proprie (Château de Trevano Ed., Lugano).
 
SCRITTI: The vicious Virtuoso, Boston 1883; The Art Melodious, London and N.Y., (1904); Observations of an american Musician, New York 1890, trad. in italiano, tedesco e franc.; Observations of a Bachelor, Boston 1893, trad. in italiano e franc.; Observations of a Traveller, New York and London 1893. Inoltre Sans Coeur, stampato a Parigi e trad. in tedesco, e Recueil de discours.
 
BIBL.: C. Schmidl, Dizionario Universale dei Musicisti, Milano 1926, I, 858 (e suppl., Milano 1938); M. Agliati, Il Teatro Apollo di Lugano, Lugano 1967; G. Galli, Porza e la sua storia, Cureglia 1978.