Filipello, Arnaldo
* Altavilla (Monferrato), 2 V 1887 + Lugano, 7 XI 1953. Compositore, maestro concertatore e direttore d'orchestra, organista, pianista e maestro di coro. Nato da famiglia di agricoltori iniziò gli studi mus. da autodidatta e, in giovanissima età, già sostituiva nelle funzioni religiose l'organista del paese nativo. Continuò gli studi, grazie a diverse borse di studio, al cons. di Milano sotto la guida di Antonio Torriani, Leopoldo Bucci e à Carlo Gatti diplomandosi nel 1909. Iniziò la carriera quale concertatore e dir. d'orch. nel 1910 dirigendo Cavallería rusticana  al Teatro Lirico di Milano in sostituzione del maestro Gamberini. Sempre nello stesso anno, con l'orch. degli allievi del cons. di Milano, diresse brani operistici al Teatro Ricreativo del 68. Reggimento di Fanteria e Lucia di Lammermoor  nel Teatro Martinelli di Garlasco, nel Teatro di Vignale e di Tortona. Con una piccola orch. da lui fondata nel 1912, iniziò un giro in alberghi di S. Moritz, Lucerna e Lugano. Qui venne chiamato dalla "Corale Verdi" (già molto attiva e impegnata anche nelle prestazioni corali in teatro) quale dir. Si stabilì definitivamente a Lugano nel 1914 quando venne anche nominato maestro di canto nelle scuole comunali, posto che tenne fino al pensionamento avvenuto nel 1951. Già alla fine dell'anno scolastico 1914/15, con più di 600 allievi delle scuole, tenne il primo saggio pubblico nel cortile interno del maneggio Ciani. Fu il primo a introdurre il fl. dolce nell'insegnamento alle scuole elementari. Nel 1928 la "Corale Verdi" si sciolse e con la maggior parte dei suoi elementi diede vita a "I Canterini del Ceresio". Con l'appoggio del primo dir. della RSI, Felice Antonio Vitali, iniziò nel 1933 l'attività con il coro "I bambini ticinesi" con i quali, circa una ventina, si produsse ai microfoni della RSI, in giri di concerti nella Svizzera tedesca, nella Svizzera francese e in applaudite tournées in Germania e Olanda. Nella intensa e lunga attività di dir. diede vita ad altre corali: l'"Armonia" di Castagnola, la "Concordia" (dell'oratorio maschile di Lugano) e la "Corale S. Lucia" di Massagno. Nel 1918 aprì un Corso popolare di musica  in via Canova a Lugano con la collab. di à Cesare Bertoni e del violoncellista Micheluzzi. A1 saggio finale del secondo anno di attività furono presenti, in qualità di giuria, à César Thomson, à  Raffaele Petillo e à  Mario Vicari. Come compositore fu soprattutto autore di canzoni, adattamenti, operette e scene mus. legate al folclore locale. Quale compositore di mus. sacra scrisse, fra l'altro, un Requiem  che venne eseguito per la prima volta il primo novembre 1953 nel cimitero di Castagnola dalla "Corale Armonia" con accompagnamento di un quart. d'archi. La composizione fu molto apprezzata dalla critica locale. Sei giorni dopo la prima esec., il suo Requiem accompagnava il maestro alla sepoltura. Arnaldo Filipello fu anche organizzatore e dir. per la parte mus. della Festa della Vendemmia di Castagnola divenuta famosa internazionalmente prima come Fiera Svizzera di Lugano e successivamente quale Festa della Vendemmia di Lugano.
 
COMPOS.: Op.teatr.: Airma, dramma (L.Pellegrini e F. Fontana); Un matrimoni contrastaa, operetta (Elsa Franconi); Vigilia di sagra, operetta (Alina Borioli); La Maggiolata, scena pop. ticin.; Il Canvetto, bozzetto lirico pop. (1941); Vendetta, dramma; Dalla padella nella brace, opera; Juleana, episodio lirico; La cena del tranello, bozzetto (F. d'Amore) (1913); La strada della libertà, bozzetto; Damone e Pizia, azione melodrammatica (G. Anastasi) (1921); Le nozze di Stefano, operetta (F. Fontana). Per orch. : Marcia; Intermezzo; Tempo di mazurka; Altavilla, ouv.; Ginnastica; Lugano in fiore; La domenica ticinese; Bozzetti ticinesi; Sul Ceresio. Mus. da camera : Doppio quint., per archi; Sul lago di Lugano, per pf; C'era una volta, per pf.; Campanelle dí Lugano, per pf.; Ninna-nanna, per pf.; Rapsodia ticin., per pf.; La danse de Cohéa, per fl., ob., cl. e fag.; Altavilla, ouv. per pf.; Quattro tempi di sonatina, per quart. d'archi; Rondino, per fl. dolce e pf.; Sonatina, per fl. dolce e pf.; Gavotta, per archi; Quartetto d'archi; Novelletta, per archi e arpa; Sonatina, per fl. dolce e archi. Mus. voc. : Tantum Ergo, per coro di 2 v. uguali e org. o harmonium; Ave Maria, per S o T e archi; Preghiera, per Ms e orch.; Preghiera della sera, per v., quart. d'archi, celesta e arpa; Ave Maria, per v., vl. e pf. (1937); Requiem, per coro e orch. (1953); Amor fra i filari (U. Pocobelli), per v. e orch.; Non mi guardar per T e orch.; Sul Ceresio, per v. e orch.; Inno del Ticino, per v. e pf. o strum. a fiato; La canzone degli Angeli, per fl., coro di bambini e pf.; Musiche per la morte di Annely, per solo, coro di bambini e pf.; Notte di Natale, per soli, coro e orch.; Preghiera dei ticinesí al S. Gottardo per soli, coro e orch.; Invito e risposta, per canto e quart. d'archi; Inno all'Elvezia, per v. e orch. (G. Brocchi), (1920). Mus. per banda : Ci.Ess.Ina; Inno della gioventù liberale ticinese, per coro e banda (G. Luvini); Inno all'Elvezia (G. Brocchi) (1920); Saluto di capodanno ; Inno alla scuola. Inoltre molte elab. di canti pop. e i libri didattici Metodo per flauto dolce (1939),ed. Carisch (rist. nel 1973) e 15 lezioni scritte per la conoscenza delle note sul rigo (ms.).
 
BIBL.: Radioprogramma ( 27) 1938, 3; E. Pelloni e M. Agliati, Il maestro Filipello in Quaderni del Cantonetto, Lugano 1957; RdL, nov. 1953; La Voce di Castagnola, Lugano (dic. 1953); Radioprogramma ( 46) 1953, 4.